Il silenzio

Un uomo si recò da un monaco di clausura.Gli chiese: «Che cosa impari mai dalla tua vita di silenzio?».Il monaco stava attingendo acqua da un pozzo e disse al suo visitatore: «Guarda giù nel pozzo! Che cosa vedi?».L’uomo guardò nel…

Leggi il racconto sotto al glicine...

I tarassachi

Un uomo decise di curare il praticello davanti alla sua casa, per farne un perfetto tappeto all’inglese. Era quasi riuscito nel suo intento, quando una primavera scoprì che nel suo prato erano nati alcuni tarassachi, dai brillanti fiori gialli. Si…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Il progresso

Un esploratore percorreva le immense foreste dell’Amazzonia, nell’America del Sud. Cercava eventuali giacimenti di petrolio e aveva molta fretta. Per i primi due giorni gli indigeni che aveva ingaggiato come portatori si adattarono alla cadenza rapida e ansiosa che il…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Il debito

Un uomo molto ricco aveva tanti debitori. Quando fu assai avanti negli anni, chiamò alcuni di quelli che gli dovevano più denaro e disse: <<Se non mi potete restituire oggi quanto mi dovete, ma giurate solennemente di pagare i vostri…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Perchè corri?

Dalla sua finestra affacciato sulla piazza del mercato il Maestro vide uno dei suoi allievi, un certo Haikel, che camminava in fretta, tutto indaffarato. Lo chiamò e lo invitò a raggiungerlo. «Haikel, hai visto il cielo stamattina?». «No, Maestro». «E…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Il chiodo

Un mercante aveva concluso ottimi affari alla fiera: aveva venduto tutta la merce e la sua borsa era gonfia di pezzi d’oro e d’argento.Per prudenza voleva rientrare a casa prima del cadere della notte e decise perciò di mettersi sollecitamente…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Il pranzo della domenica

Dalla cucina, come al solito, la donna disse: «È pronto!».Il marito, che leggeva il giornale, e i due figli, che guardavano la televisione e ascoltavano musica, si misero rumorosamente a tavola e brandirono impazientemente le posate.La donna arrivò.Ma invece delle…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Va’ tu per me

Un uomo aveva l’abitudine di dire ogni domenica mattina a sua moglie. “Va’ in chiesa tu e prega per tutti e due”. Agli amici diceva: “Non c’è bisogno che io vada in chiesa: c’è mia moglie che va per tutti…

Leggi il racconto sotto al glicine...

La mano

Un bambino aveva fatto la spesa per la mamma. Era stato preciso e attento. Il droghiere, per premiarlo, prese da uno scaffale una grossa scatola di caramelle, l’aprì e la presentò al bambino. “Prendi piccolo!”. Il bambino prese una caramella,…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Il nome di Dio

Era il giorno della Cresima.  I cresimandi erano allineati nella navata centrale della chiesa. Il vescovo si sedette e, come spesso succede, cominciò a dialogare con i ragazzi. Chiamò una bambina che si avvicinò. “Come ti chiami?” domandò il vescovo.…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Solo una bacca

Il piccolo stagno sonnecchiava perfettamente immobile nella calura estiva.Pigramente seduto su una foglia di ninfea, un ranocchio teneva d’occhio un insetto dalle lunghe zampe che stava spensieratamente pattinando sull’acqua: presto sarebbe stato a tiro e il ranocchio ne avrebbe fatto…

Leggi il racconto sotto al glicine...

L’ultimo della classe

Quando era seminarista, Giovanni Battista Vianney, il futuro santo Curato d'Ars, aveva enormi difficoltà con la scuola. Non riusciva a capire neppure le nozioni più semplici.I superiori del seminario lo avevano rimandato a casa più volte. Ma lui caparbiamente insisteva.…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Il giudizio universale

Dopo una vita semplice e serena, una donna morì e si trovò subito a far parte di una lunga e ordinatissima processione di persone che avanzavano lentamente verso il Giudice Supremo. Man mano che si avvicinava alla mèta, udiva sempre più…

Leggi il racconto sotto al glicine...

La dieta della bellezza

C'erano una volta, in un paese orientale, due bel­lissime sorelle.La prima sorella andò sposa al re, la seconda ad un mercante. Con il passare del tempo, però, la mo­glie del re si era fatta sempre più magra, sciupata e triste.La…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Due amici

Molti anni fa, in Cina, vivevano due amici. Uno era molto bravo a suonare l'arpa. L'altro era dota­tissimo nella rara arte di saper ascoltare. Quando il primo suonava o cantava di una montagna, il secondo diceva: «Vedo la montagna come…

Leggi il racconto sotto al glicine...

Ragazzi, siete tutti fuoriclasse!

I più forti siete voi, non c’è storia. Lo abbiamo capito in questi mesi di quarantena e non c’è possibilità di fraintendimenti: voi bambini siete dei veri fuoriclasse. Meglio di CR7 e Messi, magici come Elsa, scattanti come i Superpigiamini! Ma lo sapete che in queste settimane ci avete proprio sorpreso? Sì, è vero, qualche volta mamma e papà li avete quasi fatti impazzire… forse più di qualche volta. Ma, non importa, avete dimostrato una forza e una energia da supereroi. Non è facile rimanere per settimane sempre chiusi in casa, magari gomito a gomito con il fratello o la sorella. E poi che rabbia, con questo sole e queste temperature quasi estive!

Avete dimostrato di essere molto più forti, intelligenti, svegli ed equilibrati di noi adulti. Ma una cosa, più di tutte, vi ha contraddistinto: la capacità di sognare. Questo è un dono grande, che dovete tener stretto e custodire. Un bambino che sa sognare allarga i suoi orizzonti, si apre a desideri grandi.
Attenzione: sognare non vuol dire “dimenticare il presente” come nella canzone di Cenerentola, che sentiamo alla TV. Tutt’altro! Chi sogna davvero, chi sogna con il cuore, sa trasformare il presente e renderlo, un passo alla volta, un po’ più bello. Sognare è una virtù dei santi, una virtù da fuoriclasse. “Esagerato!”, direte voi.
No, è così davvero! La storia è piena di santi che attraverso i sogni hanno fatti grandi cose: pensate alla storia del giovane Giuseppe, venduto dai fratelli e portato in Egitto, che si riscatta grazie alla sua fede e alla sua capacità d’interpretare i sogni.
O a San Giuseppe, lo sposo di Maria, a cui il Signore parlò più volte in sogno. O ai Magi che, venuti dall’Oriente, dopo avere trovato il fanciullino Gesù e averlo adorato, ricevettero un sogno da parte di Dio per metterli in guardia dalle intenzioni di Erode…
O ancora: pensate a don Bosco, a cui a nove anni un sogno cambiò la vita per sempre. Lo conoscete?
Ve lo faccio raccontare da lui:
“A nove anni ho fatto un sogno. Mi pareva di essere vicino a casa, in un cortile molto vasto, dove si divertiva una gran quantità di ragazzi. Alcuni ridevano, altri giocavano, non pochi bestemmiavano. Al sentire le bestemmie mi lanciai in mezzo a loro e cercai di farli tacere usando pugni e parole.
In quel momento apparve un uomo maestoso, vestito nobilmente. Un manto bianco gli copriva tutta la persona.
La sua faccia era così luminosa che non riuscivo a fissarla. Egli mi chiamò per nome e mi ordinò di mettermi a capo di quei ragazzi.
Aggiunse: «Dovrai farteli amici non con le percosse, ma con la mansuetudine e la carità. Su, parla, spiegagli che il peccato è una cosa cattiva e che l’amicizia con il Signore è un bene prezioso». Confuso e spaventato risposi che io ero un ragazzo povero e ignorante, che non ero capace di parlare di religione a quei monelli. In quel momento i ragazzi cessarono le risse, gli schiamazzi e le bestemmie e si raccolsero tutti quanti intorno a colui che parlava. Quasi senza sapere cosa facessi gli domandai: «Chi siete voi, che mi comandate cose impossibili?»
«Proprio perché queste cose ti sembrano impossibili – rispose – dovrai renderle possibili con l’obbedienza e acquistando la scienza».
«Come potrò acquistare la scienza?», risposi, «Io ti darò la maestra. Sotto la sua guida si diventa sapienti, ma senza di lei anche chi è sapiente diventa un povero ignorante».
«Ma chi siete voi?», gli chiesi.
«Io sono il figlio di colei che tua madre ti insegnò a salutare tre volte al giorno».
«La mamma mi dice sempre di non stare con quelli che non conosco, senza il suo permesso. Perciò ditemi il vostro nome», gli risposi. Ma lui mi disse: «Il mio nome domandalo a mia madre».
In quel momento ho visto vicino a lui una donna maestosa, vestita di un manto che risplendeva da tutte le parti, come se in ogni punto ci fosse una stella luminosissima.


Vedendomi sempre più confuso, mi fece cenno di andarle vicino, mi prese con bontà per mano e mi disse: «Guarda!». Io guardai e mi accorsi che quei ragazzi erano tutti scomparsi; al loro posto c’era una moltitudine di capretti, cani, gatti, orsi e parecchi altri animali. La donna maestosa mi disse: «Ecco il tuo campo, ecco dove devi lavorare. Cresci umile, forte e robusto e ciò che adesso vedrai succedere a questi animali, tu lo dovrai fare per i miei figli».
Guardai ancora ed ecco che al posto di animali feroci comparvero altrettanti agnelli mansueti che saltellavano, correvano, belavano, facevano festa attorno a quell’uomo ed a quella signora.
A quel punto nel sogno mi misi a piangere.
Dissi a quella signora che non capivo tutte quelle cose. Allora mi pose una mano sul capo e mi disse: «A suo tempo, tutto comprenderai».
Aveva appena detto queste parole che un rumore mi svegliò. Ogni cosa era scomparsa. Io rimasi sbalordito. Mi sembrava di avere le mani che facevano male per i pugni che avevo dato, che la faccia mi bruciasse per gli schiaffi ricevuti”.
Questo sogno ha cambiato la vita di don Bosco… e aveva l’età di tanti di voi! Perchè è possibile sognare e realizzare un mondo più bello affidandoci a Gesù.
Bambini, non lasciatevi ingannare da chi vede solo nero: dentro di voi c’è un potenziale enorme di talenti che aspetta solo di essere scoperto. Continuate a sognare e fatelo da “fuoriclasse”, come il titolo del giornalino della nostra scuola. Anche questo strumento è frutto di un sogno: riuscire a rimanere uniti nonostante la distanza. Far circolare idee, passioni, emozioni, desideri, per rendere la nostra scuola sempre di più “la casa di chi sogna”. Siamo fuori dalla nostra classe ma solo fisicamente, se lo vogliamo: non c’è muro che possa dividerci se rimaniamo uniti nel nome di Gesù.
Non c’è distanza che possa allontanarci se troviamo gli strumenti per continuare a camminare insieme.
Essere dei fuoriclasse significa allora innanzitutto questo: diventare sempre di più “artigiani dei sogni”, coltivare la speranza anche in un momento difficile, non smettere di aiutare mamma e papà anche se facciamo fatica, fare i compiti ed impegnarci nello studio anche se non possiamo andare a scuola. Perchè il nostro futuro lo costruiamo ora, nelle nostre case, in questi giorni così complicati.
Perchè i veri fuoriclasse hanno un segreto che li rende più forti: la consapevolezza di raggiungere una meta bellissima.
Una meta di gioia piena pensata da sempre per noi.
Un abbraccio di pace

Mirko

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *